Strutture
    Home Page
      Chi siamo
      La Nostra Storia
      Organizzazione
      Mission
       Organizzazione nidi
      Le attività al nido
      Parola agli esperti
      Immagini
      Contatti
      Dove siamo
      Iscrizioni
      Link utili
    Asilo Nido Besana in Brianza
    Asilo Nido Beverate di Brivio
    Asilo Nido Cisano Bergamasco
    Asilo Nido Cornate d'Adda
    Asilo Nido Lecco
    Asilo Nido Lomagna
    Asilo Nido Mandello del Lario
    Asilo Nido Olginate
    Asilo Nido Osnago
    Asilo Nido Renate
    Asilo Nido Sotto il Monte
    Venerdì sera
 
 
ORGANIZZAZIONE DEI NIDI

La struttura non è costruita per i bambini ma è dei bambini e dunque ordinata al fine che i bambini la sentano veramente loro. (M. Montessori)

C'è soltanto un modo per scoprire lo spirito dei nostri nidi, frequentarli.


L'asilo nido è un servizio educativo che accoglie bambini/e dai tre mesi ai tre anni, nel rispetto della propria identità individuale senza alcuna distinzione razziale, culturale, religiosa o condizione socio-economica . Il  nostro nido è un ambiente sereno accogliente e stimolante con precisi punti di riferimento educativi e strutturali, ogni spazio è pensato per renderlo a portata di bimbi dove possono svolgere le attività che caratterizzano la giornata, funzionale e coinvolgente non solo per i più piccoli ma anche per le famiglie, che inevitabilmente rientrano a pieno titolo nel ruolo fondamentale di figure di riferimento. Il confronto e la collaborazione con le famiglie è alla base del nostro lavoro, numerose sono le occasioni di confronto sia individuali sia di gruppo. La collaborazione con altre realtà educative e sociali presenti sul territorio (associazioni, scuole dell’infanzia , biblioteca…) ci aiuta a realizzare proposte stimolanti e divertenti che permettono ai piccoli di fare continue esperienze, ai genitori di fare gruppo e tessere una rete di conoscenze territoriali in aiuto al loro ruolo educativo. Il nostro lavoro è di aiutare ogni bambino a prendere coscienza della propria personalità, potenziando le diverse individualità attraverso percorsi cognitivi a:
•    essere e rimanere persona unica ed irripetibile
•    tramutare le competenze in abilità attraverso attività finalizzate
•    ricevere incoraggiamenti per acquisire sicurezza e autostima                                                  

Si tracciano cosi gli obiettivi nei confronti dei bambini:                                           
•    sviluppo della propria identità personale
•    arricchimento del patrimonio linguistico-comunicativo
•    affinamento delle capacità manipolative, motorie, sensoriali e creative
•    raggiungimento delle più elementari autonomie personali
•    acquisizione di abitudini corrette per la cura degli aspetti igienici, alimentari e sanitari
•    approccio allo sviluppo sociale

ORGANIZZAZIONE DEI NIDI

Il perseguimento delle finalità e degli obiettivi, viene effettuato attraverso un'attenta e accurata organizzazione di tutti i momenti vissuti al nido, in modo tale che ognuno di questi momenti è caratterizzato da un "senso educativo", in cui lo stesso personale coinvolto viene quot;vissuto" dai bambini come punto di riferimento affettivo e fonte di stimolo sociale e creativo. Una costante osservazione e un'attenta valutazione ci porta a tenere conto delle esigenze reali dei bambini, pertanto le attività didattiche vengono programmate in modo da sviluppare al meglio le capacità di ogni singolo e al bisogno modificate a seconda dei profili caratteriali di ognuno. Ecco perché giochi e laboratori vengono proposti ai bambini suddivisi per fasce di età. In alcuni momenti di gioco, di pranzo o di bagno, si sono rilevati interessanti e molto stimolanti gli scambi eterogenei per età sia per i più piccoli intenti a imitare i grandi, sia per i più grandi alle prese con i primi sensi di "responsabilità" verso i più piccoli.
Ad esclusione del momento di entrata  e di uscita il nido è organizzato in sezioni:
- lattanti con età compresa dai 3 ai 12/15 mesi circa
- divezzi con età compresa dai 12/15, 36 mesi circa
Per tutte le sezioni è prevista un'organizzazione delle attività in base a un "filo conduttore" definito all'inizio di ogni anno scolastico e pertanto si avranno sempre nuovi giochi e nuovi laboratori.
Comune a tutte le nostre attività è la metodologia basata sul gioco, un'atmosfera ludica in cui i bambini si confrontano attraverso la fantasia e la realtà circostante. Oltre al gioco, le altre attività vengono strutturate in "laboratori", luoghi attrezzati con materiali adatti a svolgere le specifiche attività, pertanto nella sezione dei divezzi troviamo i laboratori di musica, espressivo, linguistico, travaso, psicomotricità, simbolico e di cucina.

Mentre per i lattanti impegnati per la maggior parte della giornata al nido nell'esplorazione dell'ambiente che li circonda e al riconoscimento delle persone e degli altri bambini, sono riservati ulteriori e specifici laboratori. Particolarmente indicati e da noi utilizzati sono i "percorsi sensoriali" realizzati attraverso tappeti sensoriali, manipolazione di materiale, ascolto della musica, stimolazione all'uso della parola, massaggio bioenergetico dolce. In questi anni di esperienza abbiamo osservato che si instaurano così benefici riscontrabili a diversi livelli in ogni fascia di età, favorendo un buon rapporto educatrice-bambino e un buon inserimento al nido.

LA GIORNATA AL NIDO

 Accoglienza ore 7,30-9,00
> SPUNTINO ore 9,15
> ATTIVITA’ EDUCATIVE
> PRANZO ore 11,20 / 11,30
> A NANNA ore 13,00O
> MERENDA ore 16,00
> LAVORO/GIOCO ore 16,30
 Ore 18: il nido chiude

L'INSERIMENTO AL NIDO

L’inserimento, ovvero i primi giorni del bambino al nido, è un avvenimento delicato che coinvolge la famiglia, gli educatori e il bambino. Questo momento va studiato e progettato per creare una continuità affettiva tra la famiglia e il nido. L’inserimento graduale è un insieme di fasi delicate che hanno lo scopo di aiutare il bambino ad entrare gradualmente nella sezione del nido, a rimanervi e a permettere che il genitore possa lasciare il bambino con l’educatrice.Verrà richiesto un colloquio con i genitori poiché l’educatrice deve conoscere e capire la persona con cui verrà svolto l’inserimento. Durante il colloquio l’educatrice dovrà spiegare cosa è l'inserimento, perché viene realizzato gradualmente e quali sono gli obiettivi, dovrà raccogliere quante più informazioni possibili sul bambino. I genitori da questo primo colloquio dovranno capire bene il senso dell’incontro al fine di personalizzare questa fase  ed affrontare insieme i momenti critici. Poiché il momento dell'inserimento al nido è un momento delicato dove si verifica il primo vero passaggio tra l'ambiente familiare e la comunità, è fondamentale che il genitore rimanga al nido con il proprio figlio per un periodo che generalmente è di due settimane circa, durante le quali il genitore accorcia sempre più i tempi di presenza al nido, e si allungano quelli di permanenza del bambino. In questo periodo il personale educativo aiutato dal genitore, avrà il tempo di conoscere il bambino, i suoi ritmi e interpretare le sue richieste. Nel frattempo il genitore avrà l'opportunità di conoscere il nido e di instaurare un rapporto di stima e di fiducia con tutto il personale ed in particolar modo con l'educatrice di riferimento, avviando così un rapporto di reciproca collaborazione.

IGIENE PERSONALE

Consapevoli che la cura del proprio corpo determina un benessere fisico, psicofisico e relazionale, particolare attenzione viene rivolta alla cura dell'igiene personale e questo obiettivo sarà sviluppato in forma ludica in tutti i momenti di vita quotidiana che offrono molteplici e svariate occasioni per avviare i bambini ad una corretta educazione alla cura e alla salute del corpo.
Convinti che anche ai bambini di questa fascia di età possano essere presentate determinate problematiche, semplificando i contenuti e fissando l'attenzione su idee base di igiene, consentiamo loro di coglierne i contenuti in modo da acquisire corrette abitudini fin dalla prima infanzia, in quanto un positivo approccio con l'igiene getta le basi per un futuro stile di vita armonioso. I bambini vengono cambiati ogni qualvolta si rende necessario e portati in bagno per le cure igieniche necessarie.
Al fine di promuovere l'acquisizione di sane abitudini e corretti comportamenti, prima del consumo di cibo (spuntino, pranzo e merenda), i bambini vengono accompagnati in bagno per la pulizia delle mani.

GENITORI AL NIDO

I genitori vengono informati giornalmente sulle attività educative svolte dal proprio bambino durante la giornata mediante cartelli all'ingresso di ogni nido. Vengono annotate inoltre anche le principali informazioni relative al pasto e al sonno.

Durante l'anno vengono promosse diverse occasioni di incontro con i genitori:
•    Incontro pre inserimento (colloquio con le educatrici al fine di raccogliere quante più informazioni possibili sul bambino)
•    Assemblea di inizio anno con lo staff educativo per illustrare la programmazione didattica annuale
•    Assemblea di fine anno con lo staff educativo per la verifica della programmazione didattica svolta
•    Incontri tematici con la partecipazione di esperti per approfondire aspetti dell'educazione e problematiche varie tipiche  dell'infanzia
•    Colloqui individuali su richiesta dei genitori con le educatrici o accesso allo "sportello genitori" con la psicologa
•    Invito alla preparazione e alla partecipazione di feste, iniziative e ricorrenze usualmente organizzate nei nostri nidi.

Per un continuo miglioramento del servizio, le famiglie vengono chiamate a collaborare compilando dei questionari di gradimento e di valutazione delle prestazioni offerte. E' sempre possibile trasmettere suggerimenti o valutazioni sia attraverso il rapporto diretto con il personale che in forma anonima tramite la cassetta dei suggerimenti, posta all'ingresso di ogni nido.
Per favorire la consapevolezza e la partecipazione delle famiglie alla vita del nido, è prevista l'elezione di rappresentanti dei genitori con funzioni consultive.

QUALITA' DEL SERVIZIO

La Cooperativa Cometa assicura professionalità degli operatori; rispetto degli sdandards gestionali per lattanti e divezzi; rispetto degli standards strutturali.